Trio e quartetto: le nostre formazioni alternative

Marzo 19, 2022

Abbiamo sempre lavorato con altri musicisti che ruotano intorno al cuore del progetto, ovvero la chitarra di Maurizio e la mia voce. Finalmente sono qui per presentarvi in maniera ufficiale le nostre formazioni alternative in trio e quartetto. Come di consueto qui sul blog, tutti i miei discorsi saranno accompagnati da un video-medley per darvi un’idea dell’atmosfera che le diverse formazioni possono creare. Ma partiamo dall’inizio.

Perché trio e quartetto?

Il nostro è sempre stato un duo. Chitarra e voce. Una semplicità che ci rappresenta. Anche la condivisione e il fare rete, però, sono caratteristiche del nostro modo di intendere la musica e anche la vita. Di conseguenza, ci è sempre venuto naturale condividere il palco con altri musicisti. Le motivazioni che ci hanno spinto a proporre ufficialmente queste diverse formazioni sono le seguenti:

  • le richieste dirette dei clienti
  • la possibilità di coprire situazioni in cui è necessario avere più volume e spinta (vedi trio o quartetto con batteria) per feste e party
  • la facoltà di ampliare il repertorio con brani che in duo sarebbero difficili da rendere
  • il divertimento!  (un elemento da non sottovalutare mai)

Richieste e situazioni perfette per trio e quartetto

La formazione in trio col sax è quella più richiesta per eventi aziendali e matrimoni. Il fascino del sax e la capacità di sposarsi col nostro suono in maniera così fluida e naturale sono il segreto del successo di questa combinazione. Vi basterà ascoltare qualche minuto del medley qui sotto per rendervi conto di quanto possa essere azzeccato questo sound per un aperitivo.
Il trio con la batteria e il quartetto si contestualizzano in situazioni più movimentate e, perché no, anche danzerecce. Drink in una mano e si dà subito inizio alla serata.

Il repertorio si amplia

L’aggiunta di uno strumento melodico, come il sax, e di uno ritmico, come la batteria, aprono nuove prospettive anche dal punto di vista del repertorio. Quando suoniamo in duo la chitarra di Maurizio è l’unico strumento in gioco. Questo significa che l’accompagnamento di Maurizio deve portare avanti contemporaneamente in maniera convincente la componente armonica (gli accordi) e quella ritmica (il beat) del pezzo. Inutile dire che questo pone dei limiti alle scelte del repertorio, alle quali si può in parte supplire con l’arrangiamento più minimal di un pezzo. Introducendo la batteria, che scandisce il ritmo dei brani, dando respiro e amplificando il groove, si può già fare un passo nella direzione di scelte più spinte e coinvolgenti. In particolare, per fare qualche esempio, brani dance anni Settanta, Funk e così via. Il sax, invece, è uno strumento melodico e possiamo dire che equivale ad aggiungere una seconda voce al nostro mix. La sua presenza permette di creare un interplay interessante con la voce, un dialogo alla pari, e può dare la possibilità di alternare brani solo strumentali.

Più siamo, meglio è!

Come accennavo in precedenza, per noi la componente divertimento è una delle più importanti. Può sembrare un discorso poco professionale, ma credo che si sia perso di vista cosa s’intende per professionalità. Lasciate che mi spieghi meglio. Professionalità per noi è essere puntuali, seguire gli accordi, proporre soluzioni calzanti rispetto alle richieste dei clienti, essere disponibili e flessibili, risolvere problemi in corsa sul posto, non far mancare mai la giusta colonna sonora per i vostri ricordi. Il nostro divertimento è prioritario nel senso che solo se siamo felici al 100% di quello che proponiamo, possiamo trasmettervi la gioia e la leggerezza che cercate nella nostra musica. Se non ci divertissimo per primi, tutto il resto perderebbe senso. Per questo per noi allargare la formazione non può che amplificare la gioia!

Trio con sax

I ricami del sax sulla trama della chitarra, in alternanza con la melodia seguita dalla voce, sono indubbiamente un plus in una formazione come la nostra. Il nostro repertorio acustico, con un sapore retrò e jazzy, trova un’integrazione perfetta nel sound del sassofono. Nella sua duttilità e nel suo timbro caldo e suadente. Questa formazione è perfetta se state pensando a un aperitivo di grande eleganza e fascino o a un welcome di grande impatto per il vostro evento.
Nel video-medley qui di seguito (con Vito Silvestro al sax) trovate un piccolo assaggio dell’atmosfera che ho cercato di evocare a parole. N.B. Con l’aggiunta del sax si possono creare intermezzi solo strumentali – chitarra e sax, appunto – in scaletta come quello del primo brano!

YouTube

Caricando il video, l’utente accetta l’informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Trio con batteria

Il trio con la batteria, mette l’accento sulla componente ritmica dei brani a repertorio. Il ritmo è quella componente che ti fa tenere il tempo con le mani, battere il piede o, in alcune circostanze, muovere qualche passo di danza. È la componente musicale più atavica, quella in diretta connessione col battito del nostro cuore. Il ritmo primordiale che ci portiamo dentro. Forse proprio per questo la sezione ritmica di una formazione è quella che la rende così coinvolgente per il pubblico. La nostra formazione in trio con la batteria è ideale per un set più movimentato, un momento che precede un DJ set in un evento di lunga durata (per es. un matrimonio), o una situazione tipo club. Richiama subito un’atmosfera dinamica e galvanizzante. Capirete perfettamente cosa intendo guardando il video-medley che abbiamo preparato con Riccardo Luigi Roselli, il nostro batterista.

YouTube

Caricando il video, l’utente accetta l’informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Quartetto con sax e batteria

La nostra formazione più ampia unisce tutti i vantaggi delle formazioni precedentemente descritte. Il quartetto è perfetto per un evento dinamico e movimentato, con open bar e balli, come un finale di ricevimento o una serata in un club. Effetto wow assicurato! 😉

YouTube

Caricando il video, l’utente accetta l’informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Duo, trio e quartetto: come orientare la scelta?

Per tirare le somme, il mio consiglio, se siete indecisi nella scelta, è farvi guidare dall’istinto e dalla “visione” del risultato finale che volete ottenere. Guardate e ascoltate diverse volte i video e, se scatta la scintilla per una formazione, è sicuramente la strada giusta da percorrere. Ricordate che la colonna sonora del vostro evento deve parlare di voi ed è questa l’unica regola da seguire.

Se poi volete saperne di più sulle nostre formazioni, contattateci! Saremo felici di costruire insieme a voi la colonna sonora perfetta per il vostro evento.

 

SHARE THIS STORY
COMMENTS
EXPAND
ADD A COMMENT